Home Cronaca Rubano rame con il carrello della spesa, arrestate tre persone

Rubano rame con il carrello della spesa, arrestate tre persone

Sorpresi all’interno dell’area ex Ente Fiera di Francavilla

Nel pomeriggio del 26 luglio, i Carabinieri della Compagnia di Francavilla Fontana hanno arrestato in flagranza di reato per furto aggravato in concorso 3 francavillesi, in seguito a una richiesta d’intervento pervenuta sul numero di emergenza 112 che segnalava la presenza di un gruppo di persone all’interno dell’area ex Ente Fiera di proprietà comunale. In particolare, una pattuglia della locale Stazione Carabinieri e una dell’Aliquota Radiomobile sono giunte rapidamente sul luogo della segnalazione, constatando effettivamente la presenza di un gruppo di individui che, alla vista dei militari dell’Arma, hanno tentato di nascondersi e di fuggire in più direzioni. Ne è così scaturito un breve inseguimento a piedi all’esito del quale sono stati bloccati sul posto due 40enni (un uomo e una donna) e un 48enne, tutti con precedenti. Secondo la ricostruzione dei fatti, il gruppo si sarebbe reso responsabile del tentato furto di numerosi cavi in rame, nonché vari scaffali e attrezzi in ferro e alluminio. Sul luogo, i Carabinieri hanno anche rinvenuto un seghetto e diversi altri strumenti atti allo scasso, tra cui cacciaviti e una tenaglia. Particolarmente ingente la refurtiva, al punto che erano addirittura presenti due carrelli, di cui uno già pieno di materiale tranciato e asportato. Solo il tempestivo intervento delle pattuglie, grazie anche alla preziosa segnalazione di un cittadino, hanno consentito di interrompere l’azione delittuosa che sarebbe stata commessa dai presunti malfattori, i quali su disposizione dell’Autorità Giudiziaria sono stati condotti rispettivamente al carcere di Brindisi e al carcere femminile di Taranto.

Continua incessante la capillare attività preventiva di controllo del territorio da parte dell’Arma, soprattutto nel periodo estivo, al fine di contrastare eventi in danno del patrimonio dei cittadini.

Exit mobile version