Un 46enne originario di Oria, nel brindisino, è stato tratto in arresto dai Carabinieri dovendo espiare la pena complessiva di 2 anni, 1 mese e 10 giorni di reclusione per reati contro il patrimonio commessi nella vicina San Pancrazio Salentino nel lontano 2012.

L’uomo nell’ultimo anno aveva fatto perdere le proprie tracce trovando rifugio in una villetta di Oria spostandosi in varie località delle province di Brindisi e Taranto e recandosi anche in zone marittime assieme alla propria compagna.

Nel suo covo, dove i militari sono intervenuti, il 46enne aveva allestito una rete di telecamere per monitorare la presenza delle forze dell’ordine e nel corso della perquisizione è stato trovato in possesso di un disturbatore di frequenza radio utilizzato per neutralizzare l’uso di telefoni cellulari. L’uomo dopo le formalità di rito è stato rinchiuso nel carcere di Brindisi.