La Guardia di Finanza ha sequestrato un grosso carico di sostanze stupefacenti al largo delle coste brindisine dopo aver fermato un’imbarcazione a poche miglia dalla scogliera. I finanzieri si sono insospettiti dalla tipologia e la posizione del mezzo, e le dichiarazioni incoerenti dello scafista hanno fatto scattare una perquisizione al porto. A bordo del natante, sotto la plancia di comando, i militari hanno trovato in un vano 186 involucri di cellophane con un totale di 310kg di marijuana e 24kg di hashish, che se immessi sul mercato avrebbero fruttato circa 4 milioni di euro. Lo scafo, in vetroresina, di circa 5 metri, è stato sequestrato, e lo scafista albanese arrestato per detenzione e traffico di sostanze stupefacenti.