Frecciarossa, Carluccio: «Doveva essere un passo avanti per i trasporti del salento»

Frecciarossa, Carluccio: «Doveva essere un passo avanti per i trasporti del salento»

Lo sfogo della Sindaca sull’eliminazione del passaggio del treno “superveloce”

«Il sospetto che il collegamento del Salento con il nord attraverso il treno Frecciarossa fosse solo un “promo” estivo c’è stato sin dal primo momento. Ora il treno “superveloce” è stato già eliminato, certificando la concezione che la Puglia nasca e muoia a Bari». La sindaca di Brindisi, Angela Carluccio, interviene sulla questione del convoglio superveloce che Trenitalia ha deciso di far giungere solo sino al capoluogo regionale.

«L’arrivo del Frecciarossa sino a Lecce – aggiunge la sindaca – seppure a velocità ridotta, doveva costituire il primo passo verso un progetto di adeguamento delle infrastrutture ferroviarie a quelle del resto dell’Italia. Al Sud servono investimenti per il trasporto ferroviario e il Salento, ormai al vertice delle classifiche nazionali per turismo (e i numeri dell’aeroporto di Brindisi lo certificano) non può essere penalizzato ulteriormente da chi forse spera che sia opportuno chiudere a Bari la porta della Puglia».